ITALIANO

Questo sito d'internet ha lo scopo d'informare sull'uso dell'interpretazione del conteggio dei giorni che utilizzarono gli popoli del Anáhuac, cioè il tonalpohualli.

Per fare un'analisi obbiettivo, abbiamo preso come punto di riferimento il lavoro scientifico e consistente del Prof. Rafael Tena. "El calendario mexica y la cronografía" (INAH, 1987). A parte di questo lavoro importante, è anche interessante considerare l'articolo "Xolpan y Tonalco" di Carmen Aguilera, che è stato pubblicato nel "Estudios de Cultura Náhuatl", vol. 15.

Il Prof. Tena dimostra nel suo lavoro che nel'epoca dell'arrivo degli spagnoli nel attuale territorio messicano, l'anno iniziava il 13 febbraio del calendario giuliano. Inoltre dimostra obbiettivamente e scientificamente che gli anni acatl (canna) cominciavano in un giorno océlotl (ocelote), gli anni tecpatl (selce) in un giorno quiyáhuitl (pioggia), gli anni calli (casa) in un giorno cuetzpallin (lucertola) e gli anni tochtli (coniglio) in un giorno atl (acqua): il numero del giorno era un'unità minore a quello dell'anno. Per esempio: un'anno 5 acatl (5 canna) cominciava in un giorno 4 océlotl (4 ocelote), un anno 13 tecpatl (13 selce) in un giorno 12 quiyáhuitl, ecc. Inoltre dimostra che il calendario mexica conosceva l'aggiustamento quadriennale il quale si faceva negli anni tecpatl (selce), aumentandogli con un giorno "nemontemi" alla fine dell'anno ( i giorni "nemontemi" erano gli ultimi 5 giorni dell'anno e si consideravano nefasti). Quindi gli anni tecpatl avevano 6 e non 5 giorni "nemontemi".

Ed ora uno si porge la domanda: Come fare la correlazione per i giorni nostri? La prima correzione che dobbiamo fare per applicare il "tonalpohualli" nei giorni nostri, è il cambio dal calendario giuliano a quello gregoriano (nel 1582 erano stati eliminati 10 giorni superflui che si erano accumulati fino a questa data, passando così dal 4 ottobre 1582 al 15 ottobre 1582). Questa correzione di 10 giorni farebbe iniziare l'anno mexica il 23 febbraio (+/- 1 giorno). Questo è approssimativo, perché il trascorrere di tanti anni dopo il 1521 (nel quale abbiamo la ultima notizia di una data, sia del stistema europeo e del sistema anahuaquiano) erano stati tatti diversi aggiustamenti nel calendario europero (per es. 1700, 1800 e 1900 non erano bisesti secondo il sistema gregoriano). E molto difficile scoprire quale sia stato il sistema della cultura Anáhuac per compensare l'errore dell'aggiustamento quadriennale attraverso degli anni. Non è possibile rispondere con assoluta certezza a questa domanda. Per il nostro scopo non è  necessario conoscere il tipo di correzione che dovevano aver fatto i popoli Anáhuac per farne oggi la correlazione con il calendario gregoriano. Se un Tlamatini (sapiente) del periodo precuauhtemoczino venisse qui nella nostra epoca, stabilizzerebbe i conto dei giorni come era stato stabilito originalmente. Cioè, tenendo conto dei muovimenti astronomici.

Sappiamo che nei nostri giorni il solstizio invernale è il 22 dicembre (negli anni bisesti il 21 dicembre). Carmen Aguilera ha dimostrato nel "Xolpan e Tonalco" che la festa di Panquetzaliztli si festeggia due gironi prima del solstizio invernale. Questo vuol dire che attualmente, il 22 dicembre corrisponerebbe al 2 Atemoztli e pertanto l'anno iniziarebbe il 24 febbraio, il quale non si trova poi tanto lontano dalla correzione  originalmente fatta che era il 23 febbraio. Dunque, i giorni 24 febbraio sono océlotl (ocelote)  per gli anni ácatl (canna), quiyáhuitl (pioggia) per gli anni técpatl (selce) cuetzpallin (lucertola) per gli anni calli (casa) e atl (acqua) per gli anni tochtli (coniglio) dove la quantità gei giorni è una unità minore a quello dell'anno, come già indicato sopra.

Prima di continuare, un dettaglio interessante: Iniziando il tonalpohualli nella nostra epoca nel modo sopra menzionato, constatiamo che il portatore dell'anno cade il 14 di maggio (13 maggio negli anni bisestri), data nella quale il sole attraversa per la prima volta nell'anno lo zenit di Xochicalco. Nella nostra rubrica "Correzione calendario di Xochicalco" si puó constatare que il motivo per la correzione era pertanto di fare coincidere il portatore dell'anno con il primo passo zenitale del sole per quel centro ceremoniale. Questo sistema fu poi assunto dai toltechi, inseguito ereditato dagli mexica e inoltre da altre culture del centrro del Messico. In altre regioni invece, come per esempio nella mixteca, continuarono ad usare il sistema anteriore, quello prima della correzione del calendario.

Ed ora vi invitiamo a consultare la rubrica "Anni" e "Giorni", nella quale si spiegano il funzionamento del tonalpohualli. Vi sono anche dei consigli pratici, come calcolare facilmente le date nei nostri giorni, pur non avendo a portata di mano la tabella della corrrelazione.

Nella rubrica "Aggiustamento calendarico di Xochicalco" si trova la interpretaione della famosa correzione del calendario il quale rappresenta la piramide dei serpenti impiumati di Xochicalco-Totolhuacan.

Ed alla fine, nella rubrica "Origini del Tonalpohualli", troverete alcuni commentari su come e dove dev'essere stato elaborato il tonalpohualli con il suo ciclo di 260 giorni e in quali d'essi iniziarono in quell'epoca.

Le auguriamo una gradevole lettura. Per eventuali commenti, domande o suggerimenti, si puo rivolgere al e-mail seguente: tonalpohualli@bluemail.ch

Molte grazie !


ALLEGATO / PIETRA DEL SOLE. I VENTI SEGNI DEL TONALPOHUALLI SONO RAPPRESENTATI NEL CERCHIO INTERNO DELLA SCULTURA